La morte di altri delfini documentata da Sea Shepherd France sulla costa atlantica della Francia

PER DIFFUSIONE IMMEDIATA

1 marzo 2019

Un delfino ucciso nella rete di un peschereccio a strascico francese è stato ripreso in un video nella notte di martedì dall’organizzazione di conservazione marina Sea Shepherd, durante il pattugliamento nelle zone di di pesca del Golfo di Biscaglia in Francia.

La nave di Sea Shepherd, M/Y Sam Simon, impegnata nella campagna denominata Operation ByCatch, sta pattugliando la costa atlantica francese dal giorno 11 febbraio per monitorare i pescatori responsabili della cattura dei delfini. Nella tarda notte di martedì, Sea Shepherd è riuscita a effettuare delle riprese di un delfino catturato da due pescherecci a strascico francesi, al largo della costa di Lacanau. Le due imbarcazioni, Le Native 2 e La Roumasse, stavano utilizzando una rete a strascico pelagica, ossia di profondità, che consiste in un’enorme rete a forma di imbuto calata tra i due pescherecci, metodo conosciuto per essere non selettivo e particolarmente distruttivo nella zona di riproduzione delle spigole al cui interno nuotano i delfini.

 Dopo aver seguito Le Natif e La Roumasse per alcune ore, senza alcun rilascio da parte loro del delfino catturato, la nave di Sea Shepherd si è imbattuta nel corpo galleggiante di un piccolo delfino che mostrava segni di reti e uncini. “Abbiamo deciso di portare a riva questo delfino e mostrarlo ai passanti, in modo da metterli al corrente su ciò che avviene in mare.” ha dichiarato Lamya Essemlali, Presidente di Sea Shepherd France. Il delfino è stato poi preso in carico dal “Pelagis Scientific Observatory” per effettuare in giornata l’esame autoptico.

Mentre i pescherecci a strascico sono sicuramente responsabili della morte di molti delfini, i pescherecci con palangari e reti da posta, in grado di posizionare ognuno 100km di reti al giorno, che operano al largo delle coste per procurarsi pesce da tavola e surimi, sono altrettanto responsabili per la cattura di delfini. “Non ci sono abbastanza persone che fanno il collegamento tra il proprio consumo di pesce e il fatto che stiamo distruggendo il mare, senza alcun rispetto in generale per la fauna marina e nessuna considerazione per le generazioni future.”, ha aggiunto Essemlali.

 L’obiettivo di Operation Dolphin ByCatch di Sea Shepherd è quello di mettere in luce l’uccisione di delfini lungo la costa atlantica in modo da fare pressione sul governo francese  per ottenere controlli su tutti i pescherecci commerciali, imporre relazioni accurate sulle catture accidentali e vietare pratiche di pesca che, senza alcuna necessità, ogni anno comportano l’uccisione per cattura accidentale di migliaia di delfini.

Per ulteriori informazioni su Operation Dolphin ByCatch:

https://www.seashepherd.it/la-my-sam-simon-arriva-in-francia-per-la-campagna-contro-il-massacro-di-delfini/

###

Riprese Video Reel (credit Sea Shepherd) https://minerva.seashepherdglobal.org/share.cgi?ssid=0Xe1wY9

Hi-Res Foto (credit Tara Lambourne/Sea Shepherd) https://minerva.seashepherdglobal.org/share.cgi?ssid=0x66w77

190227-DB-TL-LeNatif2DolphinInNet-04-IMG_9857: Il peschereccio a strascico francese Le Natif mentre recupera un delfino morto nella propria rete.

 190227-DB-TLC-DolphinOnDeck-04-DJI_0016: Immagine catturata dal drone la mattina dopo con il corpo del delfino nascosto sul ponte del peschereccio del Le Natif.

 190227-DB-TL-DolphinOnDeck.Crane-03-IMG_0268: Un delfino morto ritrovato in acqua e recuperato a bordo della nave di Sea Shepherd, Sam Simon.

 190227-DB-LamyaOnSamSimon: Il presidente di Sea Shepherd France Lamya Essemlali con uno striscione sulla Sam Simon: “Migliaia di delfini come questo vengono uccisi ogni anno in Francia perchè tu possa mangiare pesce.”

Per interviste o altre richieste:
Heather Stimmler, Sea Shepherd Global
Tel +339 7719 7742
media@seashepherdglobal.org

Lamya Essemlali, Sea Shepherd France
Tel +337 60 26 22 77
media@seashepherd.fr

Sea Shepherd Global

Sea Shepherd è un movimento internazionale senza scopo di lucro che usa tattiche innovative appartenenti all'ambito dell'azione diretta, al fine di difendere,conservare e proteggere gli oceani del mondo e la vita marina. Fondata  da Paul Watson nel 1977, oggi Sea Shepherd è un movimento mondiale con entità nazionali indipendenti in più di 20 Paesi. Con l’eccezione di Sea Shepherd Conservation Society (SSCS) negli Stati Uniti sono uniti da una comune missione attraverso Sea Shepherd Global, avente sede ad Amsterdam, che coordina comunicazioni,logistica e una flotta di cinque navi che cooperano in campagne in tutto il mondo. Sea Shepherd investiga e documenta violazioni delle leggi nazionali e internazionali inerenti la conservazione e fa rispettare le misure di conservazione laddove sussiste l'autorità legale.

Per ulteriori informazioni visitate il sito: http://www.seashepherdglobal.org

Tags:

Media

Media

Documents & Links